Welcome to the Delta Research & Development official site
 

Finanziamento e conflitti di interesse

Delta Research & Development finanzia la propria ricerca tramite il supporto di investitori privati ed i proventi derivati dallo sfruttamento dei brevetti internazionali. Questa scelta molto gravosa sul piano dell'impegno economico, ha comunque permesso un'attività lavorativa verso l'esterno completamente no profit, coerente con gli scopi sociali della ricerca scientifica di Delta Research & Development.

Conflitto di interessi in campo scientifico

Il conflitto di interessi in campo scientifico è una costante non rimovibile. La ricerca per esistere ha necessità di sponsor, subisce quindi pressioni competitive, e pressioni dalle aziende che vogliono conquistare o mantenere posizioni di mercato. Il conflitto di interessi può avere anche semplici ragioni di prestigio o di dominio scientifico, come la difesa da ricerche concorrenziali più avanzate.

In questo quadro di conflitto di interessi generalizzato (sostanzialmente fisiologico) che potenzialmente affligge ogni settore della comunità scientifica, la soluzione è quasi sempre delegata e confinata solamente all’etica individuale, unitamente ad alcune regole di carattere generale che tutti dovrebbe seguire per rendere trasparente il proprio operato.

Il potenziale conflitto di interessi più comune riguarda specificatamente:

Ricercatori di base
Brevetti ed altre forme di proprietà intellettuale. Tuttavia senza brevetti la ricerca non potrebbe vivere

Università od altre strutture di ricerca
Brevetti, sponsorizzazioni di studi clinici, finanziamenti. Anche in questo caso la mancanza di risorse economiche impedirebbe di sviluppare ricerca

Revisori di pubblicazioni scientifiche
Questo è un particolare tipo di conflitto di interessi che può essere controllato solamente dall’editore, in quanto il revisore in pubblico è sempre anonimo. Il revisore ha un enorme potere decisionale, ed il potenziale conflitto di interessi in questo caso ha un aspetto ancora più delicato. Il revisore è necessariamente un esperto del settore, e normalmente un esperto offre consulenze o riceve sponsorizzazioni da aziende che potrebbero sentirsi danneggiate dai contenuti dell’articolo in revisione, e se queste sponsorizzazioni sono accettate possono logicamente influenzare il giudizio del revisore. Il revisore può anche essere l’autore di ricerche sullo stesso argomento del materiale scientifico che sta esaminando, e quindi difendere interessi personali. Naturalmente le riviste scientifiche di qualità hanno ben chiaro questo problema, che è stato lungamente dibattuto nella comunità scientifica, e quindi sanno anche come scegliere i revisori in base al contenuto degli articoli sottoposti.

Conclusioni

In sintesi, indipendentemente dalla volontà dei singoli, generalmente non esistono condizioni “ambientali” per ricerche o giudizi veramente indipendenti. Per questa ragione il conflitto di interessi dovrebbe essere sempre dichiarato esplicitamente in modo da rendere trasparente il proprio operato.

Conflitto di interessi nella ricerca della Delta Research & Development

L’autore della ricerca di base ed applicata della Delta Research & Development, Prof. Giuseppe Marineo, è titolare dei brevetti che riguardano le tecnologie applicative, un evento fisiologico per ogni ricerca scientifica che ha successo. Al di fuori di questo, l’autore non ha altri conflitti di interessi. I ritorni economici dei brevetti sono in parte ridistribuiti ai finanziatori che hanno permesso lo sviluppo iniziale delle ricerche, in parte reinvestiti nelle nuove attività di sviluppo, in parte per scopi sociali.

Per neutralizzare il conflitto di interessi, tutti gli studi clinici firmati dall’autore sono stati condotti in maniera indipendente da clinici e strutture ospedaliere pubbliche abilitate alla ricerca clinica.

La formazione internazionale primaria che l’autore svolge in Italia per ricercatori clinici e medici che diventeranno a loro volta formatori nelle Nazioni in cui lavorano è completamente gratuita.

Sempre gratuita è ogni forma di consulenza nazionale ed internazionale che l’autore offre ai ricercatori clinici od ai Centri di terapia del dolore che necessitano di ampliare le loro conoscenze sulla Scrambler Therapy.

L’autore è l’ideatore di “ST-NET project”. Anche in questo caso il software che permette il funzionamento della rete mondiale degli utilizzatori della Scrambler Therapy e l’accesso alla rete stessa sono completamente gratuiti.

Sempre nell’ottica di una completa trasparenza,“ST-NET project” permetterà alla Sanità pubblica di qualsiasi nazione ne faccia richiesta di monitorare autonomamente studi virtuali di fase IV su scala mondiale. L’autore spera che questo favorisca nelle politiche sanitarie nazionali decisioni capaci di tutelare i malati di dolore cronico che appartengono alle fasce sociali economicamente più deboli, e che allo stato attuale delle conoscenze scientifiche e dell’esperienza clinica internazionale e multicentrica sono trattabili solo con la Scrambler Therapy.

 

 

Web Design by

Centro Studi Airone